Reddito energetico: come funziona e chi può richiederlo

Cos’è il reddito energetico e come funziona? Si tratta di un incentivo introdotto su scala nazionale per il 2024 legato all’installazione di impianti fotovoltaici per ridurre l’uso di fonti non rinnovabili e i costi energetici delle famiglie.

Ma vediamo nel dettaglio in cosa consiste il reddito energetico.

Reddito energetico: come funziona

In sostanza, il reddito energetico è un incentivo aggiuntivo legato all’energia solare che si aggiunge ad altri bonus già attivi. Alcune regioni hanno introdotto questa misura a livello locale già dal 2023, e ora è disponibile su tutto il territorio nazionale. La richiesta può essere fatta dal 1° gennaio 2024.

Le famiglie con un basso Isee o in una situazione di disagio energetico possono accedere al reddito energetico. L’obiettivo è promuovere l’installazione di pannelli fotovoltaici per l’autoconsumo energetico.

Vuoi avere più informazioni? Contattaci!


Il ministero dell’Ambiente ha introdotto il reddito energetico con un decreto pubblicato il 8 agosto 2023 sulla Gazzetta Ufficiale, con un fondo di 200 milioni di euro per il biennio 2024-2025 da distribuire alle regioni italiane.

A chi spetta l’incentivo

L’incentivo è pensato per l’installazione di impianti fotovoltaici ed è richiedibile da contribuenti con un Isee fino a 15.000 euro, che sale a 30.000 euro per famiglie con almeno quattro figli. Va notato che il reddito energetico non è cumulabile con altri incentivi statali, regionali o europei come l’Ecobonus.

Per accedere all’incentivo, i richiedenti devono avere la residenza nella regione in cui si chiede il sostegno economico. La misura garantisce il diritto all’autoconsumo, permettendo alle famiglie di utilizzare al 100% l’energia prodotta.

Come può essere richiesta la misura

Quanto ammonta esattamente il reddito energetico? Il finanziamento può arrivare fino a 11.000 euro per ogni impianto installato, con l’importo che varia a seconda della regione di residenza del richiedente. Questo significa che il contributo copre in modo diverso le spese per l’installazione dell’impianto.

Un impianto fotovoltaico da 3 Kw mediamente può costare 15.000 euro. Grazie al reddito energetico 2024, le famiglie possono installare impianti più piccoli senza spese. Con impianti più grandi che coprono completamente il consumo familiare, l’incentivo può coprire solo parte delle spese.

La richiesta di reddito energetico deve essere inviata tramite la piattaforma del Gse, il Gestore Servizi Energetici. Dopo l’accettazione della domanda, il beneficiario dovrà firmare una convenzione con il Gse per lo scambio di energia e l’autoconsumo.

Fonte

Vuoi avere più informazioni? Contattaci!


Reddito energetico: come funziona e chi può richiederlo ultima modifica: 2024-04-08 06:30:44.000000 da Carosello